In questa guida vedremo come impostare la privacy per lo stato di WhatsApp dall’app ufficiale per dispositivi Android. Abbiamo già visto in un articolo pubblicato nelle scorse ore su TopApplicazioni (guardalo ora cliccando sul seguente link) come la funzione Stato sia protetta dalla crittografia end-to-end. Per ovvie ragioni, WhatsApp ha scelto di tutelare i propri utenti consentendo loro, in aggiunta, di modificare le impostazioni della privacy e quindi la visualizzazione degli aggiornamenti di stato da parte dei loro contatti.

 

Come impostare la privacy di stato

Dopo aver aggiornato e aperto l’applicazione WhatsApp su Android è possibile modificare le impostazioni della privacy mediante l’apposita scheda Stato. Per accedere a queste impostazioni su device Android è sufficiente toccare il tasto funzione o, in alternativa, i tre puntini verticali presenti in alto a destra e selezionare Privacy dello stato. Nella nuova schermata ci si troverà di fronte una scritta che recita “ Chi può vedere i tuoi aggiornamenti allo stato” seguita da una serie di opzioni.

 

Quale impostazione scegliere?

Giunti a destinazione è arrivato il momento di scegliere quale impostazione dare alla privacy dei nostri aggiornamenti di stato. Le opzioni presenti sono sostanzialmente tre ma, se opportunamente configurate, permettono di tutelare al meglio la nostra privacy. Vediamole in dettaglio.

La prima opzione è I miei contatti. Selezionandola questa preferenza consente di mostrare a tutti i contatti i nostri aggiornamenti di stato, nessuno escluso. La seconda voce in elenco è I miei contatti eccetto…; questa impostazione permette di decidere quali dei contatti presenti in Rubrica avranno accesso ai nostri aggiornamenti di Stato, escludendoli dalla lista. Dedicata agli zelanti della privacy, la terza opzione Condividi solo con… si prefigura come la scelta ideale per chi volesse condividere i propri aggiornamenti di stato solo con pochi contatti. A differenza della precedente, questa voce è inclusiva e permetterà di selezionare semplicemente i contatti che avranno accesso ai nostri aggiornamenti di stato.

Ricordiamo che è sempre possibile modificare la privacy degli aggiornamenti di stato, ma eventuali modifiche non verranno applicate agli aggiornamenti allo stato già inviati. Pertanto è necessario prestare molta attenzione ai nostri aggiornamenti di stato e dedicare qualche minuto per configurare le impostazioni dedicate alla privacy.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata