Oggigiorno sono sempre di più i bambini che hanno fra le proprie mani smartphone e tablet. Per fare i compiti, per svago o per gioco, chi più chi meno i nativi dell’era digitale 2.0, se così si può definire, sono potenziali fruitori di contenuti che non sempre è facile controllare.

Con questa premessa, che non vuole dare adito ad alcun giudizio moralistico-educativo, è bene affrontare la questione: come tutelarli? È possibile agire in vari modi. Uno di questi è andare ad impostare sul Play Store il blocco dei contenuti per i minori. Google ha pensato bene di inserire nell’app ufficiale del suo Store un’impostazione che permette di limitare l’accesso a contenuti classificati come “inadatti” per un pubblico così giovane. Come procedere?

Apriamo l’app del Play Store dal nostro tablet o smartphone Android. Dalla schermata iniziale accediamo al menù, scorrendo con il dito da sinistra verso destra o, in alternativa, attraverso l’apposito comando posizionato a fianco della barra di ricerca. Tra le voci presenti raggiungiamo quella relativa alle Impostazioni. La funzione di nostro interesse è presente nell’elenco Controlli Utente e indentificata come Controllo Genitori. Entriamo ora con un tap nel dettaglio dal quale è possibile attivare il blocco dei contenuti per bambini. Toccando il tasto Controllo Genitori verrà richiesto di creare e confermare un codice PIN, che fungerà da protezione per i contenuti adatti ad utenti adulti.

A questo punto potremo intervenire per modificare le singole restrizioni. Il Play Store suddivide i suoi contenuti in tre categorie App e Giochi, Film e Musica. Basterà toccare sul dettaglio di ognuna di esse per rettificare le impostazioni secondo le nostre preferenze e tutelare i bambini che avranno accesso a quel terminale Android.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata